Inediti di Maria Allo


carne offesa

non risuona alcuna voce umana
quel mare su cui rotola il sole morente
infrange onde gonfie di gelo
non c’è incanto non c’è estasi
il solo dio che può abitarvi
è un dio adirato e selvaggio
tutte le vie sfociano nel folto di artigli
oltre la coscienza
il vento scuote la vita
oltre l’attesa della risoluzione
anche lo scirocco traduce
ombra di morte
su carni straziate di domani
l’arrivo e il transito del treno
non consentono redenzione alcuna
sulla luce surreale asimmetrica e casuale….
perchè

*

In limine ti cerco

dentro la gomena che sfugge
al controllo della sera
ti cerco
nei rigori di un tempo che invade
le tempie a doppia lama
i sapori di labbra tra cardini di traversate
come nuvole nel loro esodo
ti cerco
nel grembo di paese in quel soffio
tempestato di suoni
*
dentro il cerchio zampilla
frescura sotterranea di gemma
ti cerco
su fiori di glicine
vibrano di nuovi sensi
nemici di foglie
tendono al mutamento per un gesto solo

una sete avanza nel respiro
sconfina su varchi per un sogno di nascita
*
in limine ti cerco per lungo spazio
in grazia di un anelito
mano che sfiora l’arcobaleno

anche per un momento
nel tuo esistere

*

Si parte dal dolore

si parte dal dolore del mondo
dove contano i gesti
le parole in libertà
incise su arene di fuoco
per noi espropriati
tra il sonno e la veglia
a ricercare suoni
*
si parte da lontananze
scese nel mutato cuore
immerso su bordi
lambiti dal silenzio
con echi di riflessi
saturi di presagi
*
si parte da un moto circolare
scalpita arde
fino a farsi tufo
nella brocca degli incensi
si annida
dentro fino al compimento
dopo le mareggiate
su fondali di mare
*
si parte da un tempo
intriso di dolore
smarrito dentro orbite vuote
cerchio di cielo impeto di venti
risuonano di gemiti le rive
demenza di parole
Erinni nelle menti
se troppo silenzio
o strepito di ali mi attraversa
un soffio di vento
da virgulti perlati
snoda
una sillaba piena
di tralci appena nati
neve di promessa
stralcio di luce
appena sussurrata
*
si parte da una balugine cieca
su cardini sconnessi
di fuochi spenti
che grondano frammenti
da invocazioni recise
di perdono
su marosi bianchi
come la nostra anima
da gemiti arcani
mani su varchi
che soffocano rugiade
*si parte da foglie di quercia
che fluttuano
e si annodano al respiro
poi si accendono silenzi
nelle viscere stesse della terra
*
si parte da un’eco scomposta
che sostiene sulle spalle tutto il peso

nell’abisso del tempo
il suo dolore
e il mio

Il colore della notte

Fu viola quella notte
come fiori di bouganville
sulle mie tempie
e dietro casa
Incessanti sospetti
di silenzi
m’esplosero lividi
in bocca e nelle crepe
dei sospiri
come grappoli appassiti
furibonde raffiche
mi schiantarono fin dalle radici
(Ombre barriere fughe)
Il vento frusciava
indifferente
nell’ansimare
d’un presentimento
Perchè dovrei confessarti
il vortice del cuore
nel magma incandescente
senza posa
perchè mai
in agonia mi parve
sulla battigia
il rumore del mare
quando azzurro era il sogno
quella sera
e tu come puoi conoscere
la misura
dell’amore che non ha misura?
Ricordo
tra un mucchio di pietre
e l’infinito
sperso quel viola
che ancora m’assale
Ora capisco
il colore della notte

Biografia

Maria Allo è nata a Santa Teresa di Riva (ME). Attualmente vive a Riposto (CT). Laureata in Lettere Classiche presso l’Università di Messina, è docente di Italiano e Latino in un liceo della provincia di Catania. Ha al suo attivo  numerose pubblicazioni antologiche e due  sillogi  di poesia. Modera come autrice  tre blog di poesia, due  blog didattici ed è redattrice di “Aetnascuola”. Alcune  sue poesie sono state lette e commentate su Rai Notte nelle trasmissioni Inconscio, magia e psiche e Cinquestelle, entrambe curate dal prof. Gabriele La Porta.

Maria Allo: http://nugae11.wordpress.com/

12 pensieri su “Inediti di Maria Allo

  1. Scorgo una gradevole propensione all’immaginario, alla epic-fantasy, a trasposizioni metafiche. Tutto ciò confluisce bene con il mio modo di intendere la poesia. Unico neo trovo sia qualche caduta dove a mio avviso la scrittrice allenta un pò la presa : sogno, amore, infinito , cuore…sono concetti su cui porre molta attenzione circa il loro uso per mantenere la tonicità del testo.
    Comunque in generale, mi sono piaciute.

    Rispondi
  2. “per noi espropriati
    tra il sonno e la veglia
    a ricercare suoni”

    procede la parola “nuda” quando afferma la sua “ricerca” e il proprio “dolore”. Un dolore che preme alla bocca e investe il “tempo” in cui alloggia ogni altra dimensione e forma.
    Trovo ampia e stratificata ogni lettura, quasi un bisogno di scandagliare il dove, senza fare salti, tracciando linee e confini ben chiari

    Rispondi
  3. Sono letture molto diverse fra loro. Mi colpisce l’orecchio il bisogno di reiterare il verso, quasi cantilenandolo,ri-girandolo per ritornare al soggetto ed espanderlo ma sempre all’interno di un pensiero da dimostrare. Molto apprezzata l’immagine del dio adirato e selvaggio che abita la carne offesa.

    Rispondi
  4. Grazie Meth per l’attenzione alle mie nugae.La parola,come dice Ungaretti, non riuscirà mai a dare il segreto che è in noi,eppure scalpita dentro come incompiuto amore. toglie il respiro perchè non riesce AD APPRODARE là dove il rumore tace ,ancorato nelle profondità del suo essere.Grazie

    Rispondi
    • Grazie Meth per l’attenzione alle mie nugae.La parola,come dice Ungaretti, non riuscirà mai a dare il segreto che è in noi,eppure scalpita dentro come incompiuto amore e toglie il respiro perchè non riesce AD APPRODARE là dove il rumore tace ,ancorato nelle profondità del suo essere.Grazie

      Rispondi
  5. Gianluca, sai cosa dice la Szymborska?
    “Cerco con uno sforzo della mente,/cerco quella parola/ma non riesco a trovarla./Non riesco.”
    (Lei si riferiva alla mostruosità dei criminali nazisti) “Prendo parole comuni/rubo dal dizionario,/misuro, peso, analizzo/Nessuna va bene./La nostra lingua è imponente,/i suoi suoni d’un tratto -poveri.
    Io non sono poeta.Ho moltissime cose ancora da imparare.
    Apprezzo molto la tua sincerità, caro Gianluca….Ciao

    Rispondi
  6. Parole nude, forti, in una tempesta fisica e interiore che esplode in silenzio. Sconvolgenti sensazioni corporee che si presentano alla memoria in un colore. E in quel momento di memorie, si oscilla tra il dolore e la forza del pathos.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...