ESTRATTO da “REICH E GURDJIEFF – La sessualità come strumento di evoluzione della coscienza”


Reich e Gurdjieff
di David Brahinsky
in corso di pubblicazione per Spazio Interiore
previsto per Dicembre 2014

reich-cop

All’interno de I racconti di Belzebù a suo nipote, [1] a un certo punto il protagonista condanna l’uomo moderno e lo rimprovera duramente per non essere riuscito ad adempiere ai partk/dolg/doveri esserici, tanto da considerare questo fallimento come una malattia, dal momento che per lui il lavoro cosciente e la sofferenza volontaria costituivano la naturale e sola funzione che l’essere tricerebrale maturo manifestasse. Ma se sono così naturali, perché allora l’uomo odia tali pratiche? Perché odia intraprendere un percorso necessario all’evoluzione del proprio essere?
Lo studio di Reich fornisce una risposta alla questione di cui sopra: odiamo fare qualsiasi cosa sia necessaria per proseguire il nostro sviluppo perché sin dall’infanzia, e poi anche nell’adolescenza, proprio le funzioni primarie che ci contraddistinguono sono state represse. Ci è stato insegnato a temere l’evoluzione creativa, ad aver paura del libero fluire dell’energia orgonica all’interno del nostro corpo, e da queste paure è nata la corazza. Essa ci rende pigri, ci frammenta internamente in diversi “io” e ci impedisce di assimilare le impressioni legate all’evoluzione. Quando impressioni di tal genere, infatti, sono disponibili in un individuo molteplice, pigro, arrabbiato, frustrato, pauroso, represso, apatico, pieno di desideri infantili, che rigetta le idee del Lavoro, queste non possono essere assimilate in modo adeguato e pertanto si rivelano inutili. L’elemento alla base di questo processo, che è volto a reprimere la capacità di evolvere, consiste nella soppressione della sessualità, cioè di quella funzione base della creatività che sta all’origine dei processi creativi dell’evoluzione, prevista peraltro in ogni piano dell’esistenza.
Ora, se l’analisi sin qui condotta è esatta, il ripristino di questa funzione svilupperebbe nell’individuo la capacità di introdurre le impressioni tramite il secondo shock cosciente, impressioni che vengono registrate all’interno del centro emozionale superiore come “sentimento religioso”, “sacralità o divinità di ogni cosa che esiste” e, al contempo, “rimorso di coscienza”. Questa descrizione sottintende che le impressioni sono contraddistinte da un amore fortemente radicato nei confronti di tutti gli esseri, un sentimento così straordinario e onnicomprensivo che comporta il pieno sentire; pochi, oltre ai santi, sono in grado di provarlo. In effetti, c’è da chiedersi come possiamo noi, che ci lamentiamo continuamente per questioni riguardanti il tempo, i vicini, i politici, le tasse e via dicendo, giungere a provare un sentimento di tali proporzioni. Alcune religioni si fanno portatrici di tale messaggio, sebbene non sia poi automatico che esso venga incarnato da coloro che ne seguono i dettami.

Continua a leggere

Comunicato stampa presentazione di Walter Ego – regia Alessio Perisano


ATT0.png

WALTER EGO

Regia

ALESSIO PERISANO

ATT1

Sarà presentato il 10 gennaio 2013, al Fabric Hostel di Portici, il cortometraggio che ci ricorda quanto il cambiamento per amore porti solo ad estremismi e poche soluzioni.

E’ sempre importante cedere ai propri desideri il problema forse è quando questi sono misti ai sentimenti. Allora in quel caso conviene rifletterci più di una volta. Non ci rifletterà molto però il personaggio di Walter Ego, Edo, interpretato da Giuseppe Cerrone, a calarsi in particolari compromessi del caso per arrivare ai propri scopi e raggiungere il cuore della sua bella, Eva, interpretata dall’attrice, napoletana d’adozione, Valeria Luchetti. Ad aiutarlo nell’impresa la “special guest” dello short film diretto dal film maker Alessio Perisano, Francesco Procopio, interprete del ruolo di Tony, amico fidato del protagonista. Un cast tutto partenopeo, completato dalla new entry, Giacomo Manna, qui alla sua prima esperienza. Sceneggiato da Giovanni Mazzitelli e lo stesso Perisano, che ne ha anche curato tutta la post produzione, il corto è stato presentato dal regista come saggio di diploma per il conseguimento del primo anno accademico presso la scuola Tracce Snc, riscontrando approvazioni unanimi.

Girato a Portici e Torre del greco, cittadine ormai sempre più aperte all’incontro con il cinema, lo short sarà proiettato in modalità “free entry” al pubblico, il 10 gennaio 2013 alle ore 21, presso il Fabric hostel di Portici, luogo ormai culla delle nuove tendenze artistiche giovanili. A presenziare l’opera, che rappresenta l’ultimo tassello della realtà espressiva dei cittadini vesuviani ( come il recente Vitriol, sempre con Mazzitelli e Perisano nella “crew”), saranno Valerio Caprara, Nunzia Schiano e Paolo Caiazzo.

Al termine della proiezione, la serata continuerà con l’esibizione della band “RESISTANCE” ospitata per l’occasione.

PAGINA UFFICIALE
http://www.facebook.com/officialresistance

 

Si ringrazia ANTONIO BRUGNANO e la sua Wozzap sala prove Portici, per l’organizzazione musicale.
PAGINA UFFICIALE
http://www.facebook.com/wozzap.salaproveportici?fref=ts

Per ulteriori informazioni sulla pagina Facebook.
http://www.facebook.com/events/132583610230725/

 

ATT3