La ragazza che non voleva smettere di correre. Inediti di Vera Bonaccini


10563629_10205588819232805_2009238777_n

Vera nasce a Milano nel Febbraio del 1977. Vive in Liguria. Scrive da sempre su tutto quello che le capita a tiro: fogli, scontrini, muri, a volte anche sulle proprie mani. Quando non scrive, scatta fotografie, disegna, legge o dorme. Fa parte del collettivo Nucleo Negazioni con cui ha pubblicato la raccolta di racconti Nagasaki Luna Park (Edizioni La Gru) e l’antologia poetica: “I ragazzi non vogliono smettere” (Matisklo Edizioni). Una sua poesia è presente nell’antologia “Guadagnare soldi dal caos” (La Gru). È nella redazione di Bibbia d’asfalto – poesia urbana e autostradale e collabora col progetto di scrittura collettiva Carrascosaproject.

È la responsabile della collana di narrativa contemporanea, Vertigini, per Matisklo Edizioni.

Il suo ultimo libro di poesia è “Little Town Blues”, uscito nel 2015 per Matisklo Edizioni.

Da grande vuole fare il pirata.

***

NESSUNO.VUOL.GIOCARE

perse il personaggio
verso febbraio o marzo,
cadde in un tombino
e se ne dimenticò,
sopra e sotto
a un palco
sfoggiava denti bianchi
e mani aperte tese
con unghie rovinate
dare lo smalto,
un senso,
un corpo alle parole,
dislessica la voce
che se la portò via
dare un tetto,
un nome,
un volto alle parole,
distopica la luce
che il buio illuminò
masticò il personaggio
intorno a aprile o maggio,
l’appese ad un ombrello
e se ne dimenticò,
fuori o dentro
al mondo
sfoggiava paradossi,
capelli acculturati
con punte rovinate
dare un accendino,
un bacio o due parole,
logica agli eventi,
battezzare un colore
dare una sigaretta,
uno strappo sul furgone,
speranza a un’alba nuova,
un calcio ad un pallone
depose il personaggio
tra giugno e il carnevale
in una grotta bianca
tra l’universo e il mare,
sospeso in un ricordo
tra maschere di cera
sfoggiava l’eresia
di quel che ancora era
e le candele son lucciole
e le lucciole candele
se nessuno sta a guardare
nessuno vuol vedere
e le cartucce son lucciole
e le lucciole illusione
se nessuno sta a guardare
triste è il mondo di cartone
dare un volto,
un corpo, un astro,
un salto sulla sabbia,
dare corda a una sirena,
impiccarsi sulla spiaggia
dare forma a un mondo amorfo,
dare vita a una sorpresa,
l’esplosione di una bomba,
la rivolta che è sospesa
e le quartine son lucciole
e le lucciole illusione
se nessuno vuol giocare
il deserto è religione

Continua a leggere