Giovani Prospettive. Omaggio di parole a Josephine Cardin


josephine-cardin7

Nata a Santo Domingo, Repubblica Dominicana, Josephine Cardin è una fotografa delle belle arti che è cresciuta nel sud della Florida e che ora vive e lavora a Rochester, NY.

Attualmente, Cardin sta sviluppando il suo lavoro di fotografia figurativa contemporanea, ispirandosi alla musica, la danza e alle tematiche umane della solitudine,dell’ isolamento,del la paura e della trasformazione. Sempre un artista in qualche modo, Cardin ha cominciato come una ballerina, prima di perseguire una formazionedi arti tradizionali e infine concentrarsi completamente sull’arte dal 2010.

Continua a leggere

Giovani Prospettive. Omaggio di parole a Kylli Sparre


4d14154ca7abb4249f9b0f6940697ffc

Kylli Sparre giovane artista olandese che gioca con la manipolazione delle immagini.

***

kylli-sparre

Natura di Angelica D’Alessandri

Cornucopia radiosa
Danzante nei boschi

Musica gelida scopre te stessa
Solchi giorni mai vissuti
E vite mai nate

Intrisa di saggezza
Riveli colori
E trasformi ricordi;
Nel presente fiorisci

Insinuandoti in me
Mi nutri di gioia.

***

Immagino di Elina Miticocchio

parole dal cuore cadute a stendere teli azzurri
parole di vento. Parole di splendore

c’è polvere di rose nell’aria
un piccolo canto
desta la luce

scucita è la conchiglia del mattino
nell’intatto tessuto delle ore

***

Continua a leggere

Giovani Prospettive. Omaggio di parole a Mirjam Appelhof


Mirjam-Appelhof6

Mirjam Appelhof artista che nasce e vive nei Paesi Bassi.
Ha iniziato a lavorare con la fotografia per tradurre i sentimenti interiori, immagini che la riflettono.
Le sue immagini non sono mai ferme, dice che il movimento continua nel tempo.
Per creare usa Photoshop, ma anche ama dipingere sulle sue immagini o utilizzare materiali diversi.

***

Continua a leggere

Inediti di Elina Miticocchio



photos by Romina Dughero

Nel giardino che segreto non è

qualcuno è venuto sbattendo le ali

un angelo forse l’ho guardato in una chiesa.

Paziente il suo occhio e preciso

le labbra chiuse come un sigillo di a-mare.

Un corso di voci nel corpo immobile

a raggiungere il fondo del pozzo

la rondine nel petto che fa capriole.

Tra parole sguattere e orologi puntati

dormono suppliche in un involucro di casa.

Presupposti di asciugature al sole nel vento tra-me

come uscire da un guscio molle

l’interiorità da osservare e tenere pulita oltre le cose

il tatto mutevole la casa che abiti

e nel lasciare vecchie abitudini attesa di compimento

primizia il lieve candore che accerchia le gote

un foglio di essenze lo sguardo a osservarti

acqua concepita goccia nel creato

resto intatta su radice di occhio a te-ssere

22 ago. 11 -per Arianna

Se un giorno i passi mi porteranno nelle vicinanze

.

dell’albero frondoso avrò il respiro

aperta alla visione la forbice del giorno

sul sagrato di una rinnovata primavera

storie e sogni batteranno al portone

l’eco di un suono tuonerà lettere

e un cigno come luna condurrà al fuoco

acceso dalla prima candela

ricomincerà il battito d’orologio

a sussurrare nel vento barche di carta.

Biografia

Elina Miticocchio nata a Foggia nel 1967, dopo gli studi classici si è laureata presso la facoltà di Giurisprudenza di Bari. La lettura, il teatro, la scrittura sono i maggiori interessi che condivide spesso con la madre. E’ presente con il testo “Oblò” nell’antologia poetica “Taggo e Ritraggo” edita LietoColle e, sempre per la stessa casa editrice, nelle antologie “Il segreto delle fragole 2011” e “Il segreto delle fragole 2012”.
Partecipa al blog CarteSensibili curando mensilmente una rubrica dal titolo “L’evento”.

Elina Miticocchio : http://elina11.wordpress.com/