The soul scars to Jon Lezinsky – Le cicatrici dell’anima di Jon Lezinsky


Wake

“Witness to a Transfiguration”

Benvenuto su Word Social Forum Mr. Lezinski

“Come e quando nasce la tua passione per l’arte? / E: How and when did your passion for art begin? How did it developed in you?”

E: When I was young I was always drawing, creating or making something. Over time this just became a part of me. I don’t think I ever made a decision or thought about being an artist. The passion has always been there and has grown with me each day.

I: Quando ero giovane ero sempre intento a disegnare, creare o fare qualcosa. Nel corso del tempo è semplicemente diventata una parte di me. Non credo di aver mai preso la decisione o pensato di essere un artista. La passione è sempre stata lì ed è cresciuta in me ogni giorno.

“I: Dove trai l’ispirazione per le tue opere? / E: Where do you get the inspiration for your works?”

E: A lot of my illustration work is for commercial assignments so the topics are already determined. It is very different than sitting down to create something for myself. If I am working on a personal piece the approach is a bit more abstract. Ideas are always coming to me usually as reactions to things. Recalling parts of dreams, watching weird off beat movies, reading poems or listening to music usually gets me thinking. I also keep sketchbooks filled with all sorts of sketches, images, words, phrases and poetry. I usually start with something abstract, a vague idea or even an emotion that a word causes and then I see where that takes me.

I: Molte delle mie illustrazioni sono commissionate a fini commerciali, quindi i temi sono già determinati. È molto diverso dal sedersi per creare qualcosa per me stesso. Se sto lavorando su un pezzo personale, l’approccio è un po’ più astratto. Di solito le idee vengono da me come reazioni alle cose. Ricordare parti di un sogno, guardare strani film, leggere poesie o ascoltare la musica in genere mi fa pensare. Conservo anche taccuini pieni di schizzi, immagini, parole, frasi e poesie. Di solito comincio con qualcosa di astratto, una vaga idea o anche un’emozione nata da una parola, e poi vedo dove mi porta.

Continua a leggere

L’arte surreale e ironica di Alex Urso


1.Impossible nature (omaggio a Joseph Cornell), 2014 (28 x 20 x 8 cm)

1. Impossible nature (omaggio a Joseph Cornell), 2014 (28 x 20 x 8 cm)

 

2. Impossible nature (omaggio a Joseph Cornell), 2014 (28 x 20 x 8 cm)

2. Impossible nature (omaggio a Joseph Cornell), 2014 (28 x 20 x 8 cm)

Parlaci un po’ di te, e non la solita biografia, apriti a Words Social Forum.

Sto bevendo thé al limone nella città dove sono cresciuto, in provincia di Ascoli Piceno, dove torno ogni estate per qualche settimana. Dopo aver vissuto a Milano ed essermi diplomato in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera mi sono trasferito a Varsavia, dove attualmente lavoro come assistente curatore presso la Zacheta National Gallery e dove porto avanti parallelamente la mia ricerca artistica.

Perchè la Polonia?

Ho sempre provato un certo fascino per l’est europeo, pur non conoscendolo molto prima di trasferirmi a Varsavia. I paesi dell’ex area sovietica vivono oggi di forze opposte, in cui i ricordi tragici di una passato (vicinissimo) si fondono con desideri di modernità ed emancipazione fortissimi. Questo crea un movimento culturale notevole, vertiginoso, se si pensa alla velocità con cui una città come Varsavia è cambiata negli ultimi anni. C’è un fermento culturale che coinvolge tutti gli aspetti della vita cittadina, e questo è dovuto sicuramente a una condizione economica in crescita.
Tutto ciò si riflette positivamente anche nell’arte: dagli anni Novanta ad oggi sono nate ottime gallerie private, mentre le istituzioni pubbliche si sono sempre più aperte al mercato internazionale. In generale, nonostante ancora i forti limiti strutturali relativi al mercato e all’assenza di un sistema di coesione interna tra le varie istituzioni, credo che l’est europeo sia una realtà interessante sotto diversi punti di vista e di cui si sentirà parlare sempre di più in ambito artistico.

Continua a leggere